Avvio del Gruppo Di Lavoro "Restauro e Valorizzazione dei Beni Culturali". Esiti della missione esplorativa nel settore Restauro e Beni Culturali  


Dal Maggio 2011 il Ministero degli Affari Esteri ed il Ministero dello Sviluppo Economico hanno avviato con alcune Regioni italiane, nell’ambito del Programma Mae-Regioni-Cina un Gruppo di lavoro sul tema “Restauro e valorizzazione dei beni culturali” per cercare di identificare delle opportunità di partenariato per le Regioni italiane e valorizzare tutte le azioni del Sistema Italia realizzate negli ultimi anni in Cina. A seguito della richiesta di queste Regioni il Programma MAE-Regioni-Cina, in coordinamento con l’Ambasciata d’Italia, ha organizzato dal 19 al 26 giugno una missione per esplorare possibilità di collaborazione nel settore del recupero e conservazione del patrimonio culturale.  La delegazione, guidata dal dott. Vincenzo Donato, Direttore Generale, della Direzione Generale per la Politica Regionale Unitaria Nazionale (Ministero dello Sviluppo Economico, Dipartimento Politiche di Sviluppo e Coesione) comprendeva gli esperti delle Regioni Umbria, Veneto e Marche il Coordinatore della Segreteria Tecnica del Programma MAE-Regioni-Cina, e l'esperto residente del Programma. Le città interessate sono state Pechino, Nanchino (provincia dello Jiangsu) e Xi'an (Provincia dello Shaanxi) . La missione è stata preceduta da un incontro preparatorio a Roma con il direttore dell’UTL della Cooperazione Italiana a Pechino per conoscere le attività della Cooperazione italiana nel settore.
La prima meta della missione è stata Pechino, dove la delegazione ha incontrato il Direttore del Centro di formazione Sino-Italiano per la Conservazione e il Restauro dei Beni culturali, Prof. Zhan Changfa, con il quale si sono discusse diverse possibilità di collaborazione nel campo del recupero del patrimonio culturale e della promozione. Per quanto riguarda il recupero è stato manifestato l'interesse a coinvolgere soggetti italiani nelle attività di restauro tramite l’inserimento di expertise di imprese ed istituzioni italiane, la cui fattibilità dovrebbe essere valutata nei prossimi mesi. I progetti individuati per una possibile collaborazione sino-italiana sono: il progetto di conservazione della Statua del Bodhisattva Avalokitesvara (Guanyin - Buddha delle 1000 mani) a Dazu nella Municipalità Autonoma di Chongqing, totalmente finanziato dal Governo Cinese; e il progetto di conservazione delle Case di Confucio e Mencio a Qufu e Zoucheng (Provincia dello Shandong) co-finanziato dalla Banca Mondiale con un budget previsionale di circa US $ 50 milioni. Nei prossimi mesi sarà organizza una missione tecnica degli esperti delle Regioni verificare in situ la fattibilità dei lavori e le opportunità concerete per il Sistema Italia. La delegazione nei giorni successivi ha visitato Nanchino incontrando alti esponenti del Cultural Relics Bureau della Provincia dello Jiangsu, insieme al Direttore del Nanjing Museum. Gli incontri e le visite hanno evidenziato i temi di interesse delle controparti cinesi: scambi di esperti, conferenze, formazione, trasferimento tecnologico per la risoluzione dell'acidificazione dei beni cartacei, attività di scambio per il recupero e la conservazione dei beni immateriali e per la definizione di legislazioni in materia di conservazione del patrimonio culturale e l'organizzazione di eventi e mostre. E' stato evidenziato, da parte delle Autorità del Jiangsu, che la Provincia intende realizzare la costruzione di 5 nuovi musei con un investimento di circa US $ 60 milioni.
Come ultima tappa della missione, la delegazione si è recata a Xi’an nella Provincia dello Shaanxi, dove è stata recentemente inaugurata un’ala del museo storico provinciale contenente le pitture murali funerarie di epoca Tang, finanziata con fondi della Cooperazione Italiana allo Sviluppo. Agli incontri hanno partecipato il Direttore il Vice-Direttore dell’ amministrazione provinciale per i beni culturali, e sono stati individuati alcuni ambiti di interesse della parte cinese: l'utilizzo di nanotecnologie e tecniche laser per il recupero e il restauro delle opere e la formazione di restauratori per il restauro delle restanti pitture murali Tang, tuttavia non è apparso chiaro l'effettivo interesse da parte cinese a co-finanziare iniziative congiunte. Il Gruppo di lavoro sul Restauro e valorizzazione dei beni culturali, aperto ad altre regioni interessate, viene coordinato dalla Regione Veneto.

30/06/2011 - Inoltra - Versione stampabile

Chiudi